Test antigenico rapido SARS-COV-2

Test che permette il tracciamento dei contagi del virus Sars-CoV-2

Il test antigenico rapido è diventato lo strumento più usato – sia a livello pubblico che privato – per scoprire rapidamente se si è entrati in contatto con il virus Sars-CoV-2, permettendo quindi un miglior tracciamento dei contagi.

Test antigenico rapido: cos’è?

Si tratta di un esame diagnostico che, mediante tampone nasale, naso/oro-faringeo o salivare, permette di evidenziare rapidamente la presenza del virus Sars-CoV-2 nel campione clinico in quel preciso momento.
A differenza del tampone molecolare, il test antigenico rapido rileva la presenza diretta del virus non tramite il suo genoma ma tramite le sue proteine, ossia gli antigeni, visibili a occhio nudo.
Viene effettuato da personale specializzato in un laboratorio analisi, studio medico o farmacia (recentemente introdotte).
Il risultato è pressoché immediato. Come indicato dall’Istituto Superiore di Sanità, sono sufficienti 30-60 minuti – ora anche 10-15 minuti – per rilevare nel campione la presenza o meno degli antigeni indicativi di una infezione virale in corso.
Tenendo conto della validità dei test e delle possibili finalità, il tampone nasofaringeo antigenico rapido può essere impiegato nei casi di soggetti con un’alta probabilità di infezione: il test rapido permette una risposta veloce alla sospetta positività con immediato isolamento a cui poi seguirà un test molecolare di conferma infezione. Questo offre il vantaggio di isolare rapidamente i pazienti infetti per ridurre al minimo il rischio di trasmissione, la necessità di un laboratorio e personale specializzato.
La velocità di esecuzione e la convenienza economica sono il punto di forza dei tamponi rapidi.
L’affidabilità del test antigenico rapido è intorno al 97,67%.

Contenuto della confezione da 20 Test

  • Card reattiva contenuta in un blister sigillato;
  • Provetta contenente il liquido di estrazione;
  • Tampone nasale;
  • Provetta di estrazione;
  • Istruzioni per l’uso.

Interpretazione dei risultati

L’esito positivo indica che sono stati riscontrati nel campione prelevato antigeni virali. In questo caso è necessario confermare la positività con un test molecolare.
Nell’attesa dell’esito il paziente deve considerarsi infetto e contagioso, porsi in isolamento ed informare il proprio medico di famiglia. Il laboratorio darà comunicazione al Dipartimento di Prevenzione dell’ASL ai fini della presa in carico e tracciabilità dei contatti

L’esito negativo conferma che non sono stati rilevati antigeni virali nel tampone analizzato. Il soggetto probabilmente non è infetto né contagioso.

 

Form richieste

  • 7 + 78 =